Salvaguardia idraulico-ambientale del fiume Vomano (TE)

L’ obiettivo del progetto è stato quello di intervenire su alcuni tratti del fiume Vomano, a fronte di situazioni idrauliche ed ambientali di rischio, con interventi atti ad incrementare il limite di sicurezza e preservare le caratteristiche ambientali del fiume, arrestando quei fenomeni di erosione generatisi nel tratto di asta oggetto di intervento.

Le evidenti problematiche riscontrate sono principalmente legate sia all’ asportazione del pacchetto alluvionale di depositi ghiaiosi cui consegue erosione diffusa del fondo e delle sponde e grave pericolo per alcune strutture interferente esistenti, sia all’occupazione di originari aree golenali, una volta disponibili al deflusso idrico, che ha determinato una scarsa officiosità dell’alveo.

Le aree su si interviene sono in particolare:

1 –  in corrispondenza della foce. A monte e a valle (sino allo sbocco a mare) dei ponti su        S.S.n° 16 e linea ferroviaria, nei territori comunali di Roseto degli Abruzzi e Pineto;

2 – nel tratto di asta fluviale compreso tra il ponte su S.P. 553 – Fontanelle di Atri (incluso) e su S.P. 23 – Castelnuovo (escluso), nei territori comunali di Morro d’Oro, Notaresco ed

Atri;

3 – in corrispondenza del ponte su S.P. 23. A monte e a valle dello stesso ponte, nei territori comunali di Castellalto e Cellino Attanasio.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Ingegneria Idraulica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.