Campli: Interventi di consolidamento, risanamento e mitigazione del rischio idrogeologico


Gli interventi progettati nel comune di Campli (Te) relative ai finanziamenti concessi dalla Regione Abruzzo relativi al consolidamento ed il ripristino di condizioni di stabilità geomorfologica in alcuni abitati della Regione, hanno riguardato essenzialmente la messa in sicurezza delle rupe sottostante il centro storico dell’abitato di Campli, la rupe della frazione di Nocella e la rupe della frazione di Castelnuovo. Tali lavori sono stati aggiudicati tramite appalto concorso di cui la E&G è stata parte del gruppo di progettazione.

 

Nella scelta degli interventi si è presa in considerazione sia l’integrazione con le opere già realizzate e, quando necessario, l’eventuale consolidamento di queste, mantenendo comunque una particolare attenzione all’inserimento ambientale degli interventi per una corretta e compatibile percezione dell’abitato nel contesto paesaggistico circostante.

Nella definizione degli interventi, si è cercato di perseguire essenzialmente tre obiettivi:

-          Miglioramento delle condizioni di stabilità delle opere esistenti;

-          Stabilizzazione di alcune parti delle rupe interessate da dissesti in atto o potenziali;

-          Curare il reinserimento ambientale delle opere già esistenti con i nuovi interventi nell’ambito di una generale riqualificazione ambientale e paesaggistica.

 

Per restituire stabilità alla parte più alta ed acclive del versante è stato necessario realizzare un insieme di strutture ‘non a gravità’ a protezione dei cigli. Tali strutture sono state collocate il più possibile in aderenza col ciglio stesso per impedire una ulteriore riduzione dell’area abitata, e sono state il più possibile mascherate per evitare di peggiorare ulteriormente l’architettura del paesaggio.

Per quanto riguarda la protezione dal fenomeni di scalzamento al piede e di instabilità delle masse di detrito, soprattutto in condizioni sismiche, l’intervento è stato concentrato in corrispondenza dell’abitato di Campli Centro dove i fenomeni franosi avrebbero potuto creare le situazioni di maggior rischio. Tali interventi hanno permesso una significativa rimodellazione del versante con conseguente riduzione dell’impatto visivo delle opere già esistenti ed un più corretto inserimento delle opere previste in progetto.

Infine, l’intervento è stato completato dalla sistemazione definitiva dell’alveo del torrente Secchigno con rimodellazione del corso d’acqua sia dal punto di vista longitudinale, con la costruzione di briglie, che dal punto di vista trasversale con la costruzione di una sponda dotata di presidi fissi (sponda sinistra) ed una sponda opportunamente riprofilata.

Questa voce è stata pubblicata in Ingegneria Geotecnica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.